Questo Forum fa uso di cookie
Questo forum fa uso di cookie per memorizzare le informazioni di accesso se siete registrati, e la vostra ultima visita se non lo siete. I cookie sono piccoli documenti di testo memorizzati sul vostro computer; i cookie impostati da questo forum possono essere utilizzati solo su questo sito web e non costituiscono un rischio per la sicurezza. I cookie su questo forum tracciano anche gli argomenti specifici che hai letto e quando li hai letti per l'ultima volta. Si prega di confermare se si accettano o rifiutano le impostazioni di questi cookie.

Un cookie verrà memorizzato nel vostro browser indipendentemente dalla scelta per evitare che vi venga posta di nuovo questa domanda. Potrai modificare le impostazioni dei cookie in qualsiasi momento utilizzando il link a piè di pagina.

Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
VERONA CASTEDDU L ATTESA E IL MATCH
#1
Mandate via quel incapace prima che sia tardi
Cagliari è tutto per noi....  e io lo soooooo
perchè non resto a casa!

[Immagine: 1050219756.jpg]
#2
È già tardi...
#3
(16-02-2020, 21:14)Duke Ha scritto: È già tardi...

Dipende da cosa abbiamo in mente. Se è la salvezza, non è ancora tardi. Per tutto il resto, si
#4
c'è davvero qualcuno che attende la prossima batosta?
#5
A Verona resuscitano.
#6
A Verona svoltiamo. O vinciamo 0-4 e riprendiamo a sognare. O perdiamo 4-0. esonera Maran, e riprendiamo a sognare.
In ogni caso riprendiamo a sognare e forse anche a segnare.
#7
sentendo le parole di ceppitelli... quelli a verona gasati e noi perdenti
Corti, Lamagni, Longobucco, Casagrande, Ciampoli, Brugnera, Quagliozzi, Bellini, Piras, Marchetti, Selvaggi
#8
(17-02-2020, 20:07)cidrolin Ha scritto: A Verona svoltiamo. O vinciamo 0-4 e riprendiamo a sognare. O perdiamo 4-0. esonera Maran, e riprendiamo a sognare.
In ogni caso riprendiamo a sognare e forse anche a segnare.
No. Non vorrei tarpare le tue ali, ma la cosa più probabile è che perdiamo 2-0 e che Maran rimanga saldo al suo posto, in attesa del ritorno di Nandez, Ceppitelli e Rog.
#9
(17-02-2020, 20:44)amman Ha scritto:
(17-02-2020, 20:07)cidrolin Ha scritto: A Verona svoltiamo. O vinciamo 0-4 e riprendiamo a sognare. O perdiamo 4-0. esonera Maran, e riprendiamo a sognare.
In ogni caso riprendiamo a sognare e forse anche a segnare.
No. Non vorrei tarpare le tue ali, ma la cosa più probabile è che perdiamo 2-0 e che Maran rimanga saldo al suo posto, in attesa del ritorno di Nandez, Ceppitelli e Rog.
esatto, ormai prima di ogni partita si dice sia l'ultima di maran, e invece sta ancora li più saldo di prima
#10
Intanto il Milan vince. Undicesimi, addio alla seducente e sfuggevole parte sinistra, ben tornata a quella vecchia baldracca della parte destra.
#11
Mi ricordo il Genoa di qualche anno fa o la Fiorentina dello scorso anno che dopo un buon girone di andata si salvarono all ultima giornata... che coglioni che sono buttare al cesso un ciclo così entusiasmante per la pressione delle "alte aspettative"....non avevo mai sentito scusa piu demenziale! Questi quando parlano ci prendono anche per il culo
Corti, Lamagni, Longobucco, Casagrande, Ciampoli, Brugnera, Quagliozzi, Bellini, Piras, Marchetti, Selvaggi
#12
Giulini dimostra sempre più di essere il classico pirla figlio di papà a cui manca la preparazione di base per comandare, quel mix di istinto di sopravvivenza, carisma, paraculismo, assenza di scrupoli, capacità empatiche e fame atavica. Ha il suo giocattolo, vorrebbe fare grandi cose e, su questo gli credo, ha ambizioni di grandezza ma non riesce mai a far quadrare il cerchio, gli manca sempre un tempo o ha paura di osare.
L'esempio è quello che è successo a giugno scorso e questo dicembre : parte con buone intenzioni per il centenario, immagina un mercato sontuoso e si scatenano lui e Canzi facendo un (obiettivo) ottimo lavoro. Peccato avesse fatto un errore imperdonabile precedentemente confermando Maran investendo su di lui in maniera pesantissima. L'idea non era malvagia ovvero tu scegli un manager e gli dai l'opportunità di lavorare in serenità in un progetto a lungo termine, peccato che chiunque lo conoscesse sapeva che Maran non era l'uomo adatto per curriculum e carattere. Ma a questo si aggiunge un errore ancor più grosso ovvero a Gennaio, quando ti rendi conto che qualcosa non va a livello tecnico e, soprattutto, a livello di uomini non solo non metti da parte Maran ma non gli dai manco gli uomini per poter continuare a giocare nell'unico modo che sa. In compenso cerchi il colpaccio ingaggiando un trequartista e l'ennesimo rottame ex Chievo. Anche i sassi vedevano le difficoltà assurde in difesa, il meno esperto di calcio sapeva che Pavoletti non sarebbe rientrato in tempo utile per influire, si poteva semplicemente puntellare con acquisti mirati anche ad un futuro ma, soprattutto, eliminare rami secchi e sterili.
Ma qui viene fuori il braccino, la mancanza di intuito, il circondarsi di yes man che non ti consigliano ma ti assecondano.
E questi sono i risultati
#13
(18-02-2020, 09:19)Bruvura Ha scritto: Giulini dimostra sempre più di essere il classico pirla figlio di papà a cui manca la preparazione di base per comandare, quel mix di istinto di sopravvivenza, carisma, paraculismo, assenza di scrupoli, capacità empatiche e fame atavica. Ha il suo giocattolo, vorrebbe fare grandi cose e, su questo gli credo, ha ambizioni di grandezza ma non riesce mai a far quadrare il cerchio, gli manca sempre un tempo o ha paura di osare.
L'esempio è quello che è successo a giugno scorso e questo dicembre : parte con buone intenzioni per il centenario, immagina un mercato sontuoso e si scatenano lui e Canzi facendo un (obiettivo) ottimo lavoro. Peccato avesse fatto un errore imperdonabile precedentemente confermando Maran investendo su di lui in maniera pesantissima. L'idea non era malvagia ovvero tu scegli un manager e gli dai l'opportunità di lavorare in serenità in un progetto a lungo termine, peccato che chiunque lo conoscesse sapeva che Maran non era l'uomo adatto per curriculum e carattere. Ma a questo si aggiunge un errore ancor più grosso ovvero a Gennaio, quando ti rendi conto che qualcosa non va a livello tecnico e, soprattutto, a livello di uomini non solo non metti da parte Maran ma non gli dai manco gli uomini per poter continuare a giocare nell'unico modo che sa. In compenso cerchi il colpaccio ingaggiando un trequartista e l'ennesimo rottame ex Chievo. Anche i sassi vedevano le difficoltà assurde in difesa, il meno esperto di calcio sapeva che Pavoletti non sarebbe rientrato in tempo utile per influire, si poteva semplicemente puntellare con acquisti mirati anche ad un futuro ma, soprattutto, eliminare rami secchi e sterili.
Ma qui viene fuori il braccino, la mancanza di intuito, il circondarsi di yes man che non ti consigliano ma ti assecondano.
E questi sono i risultati
Io mi ci ritrovo molto con il tuo discorso, anche perché sono cose che dicevo di Giulini fino a giugno scorso. Ho sottolineato poi le cose che maggiormente condivido, e che, a mio parere, sono poi quelle che impediscono agli sforzi di Giulini di dare frutto. Mancherebbe davvero pochissimo per ottenere degli ottimi risultati, perché gli sforzi fatti da Giulini in questi anni sono oggettivamente notevoli. Penso alla campagna acquisti estiva, all'incremento degli ingaggi di calciatori ed allenatore, all'attenzione verso le squadre giovanili, al tentativo generale di programmare a lungo termine. Secondo me gli manca l'umiltà di capire che non conosce abbastanza (almeno ancora) il calcio per poter scegliersi da solo l'allenatore, per esempio. O per confrontarsi sulla scelta dei calciatori. E quella stessa mancanza di umiltà gli impedisce di esonerare Maran. La questione è tutta lì: non lo esonera per non dover ammettere di aver fatto uno sbaglio micidiale, uno, ma decisivo, nell'avere affidato tutto quello che ha costruito in questi sei anni alla persona sbagliata. 
Per me questa stagione è andata. Dovremmo cercare di fare i dieci punti che ci servono quanto prima e capire in che maniera li possiamo fare, con o senza Maran. Poi, in parallelo, sceglierei l'allenatore che possa inaugurare un ciclo a partire da giugno. Ci sono allenatori interessanti che da giugno potrebbero essere disponibili, ma bisogna muoversi per tempo. Anzi, l'allenatore lo farei scegliere a Carli.
#14
Agnelli un giorno disse che Vieri non sarebbe stato venduto, il giorno dopo Moggi lo diede all'Atletico Madrid, quando glielo fecero notare ammise, dopo giri di parole, che Moggi sapeva fare il suo lavoro ed aveva la sua fiducia. Ecco, questo con Giulini non potrebbe mai accadere
#15
Diciamo che Giulini non è "one man one band" alla Cellino... fose ci capirà ancora poco del calcio italiano, supremo covo di intrallazzoni e banditi di varia risma; lui prova ad avere dei collaboratori, più o meno competenti, Carli penso che lo sia, che infine pretenda l'ultima parola, ci sta, non posso biasimarlo,  i soldi sono i suoi o sbaglio ?
#16
ma infatti con questa sciagurata testardaggine a non vedere la crisi di soldi ne perde tanti... quindi penso che ci siano ragioni profonde che noi non conosciamo sul perchè di questa strategia folle di mantenere a tutti costi Maran
Corti, Lamagni, Longobucco, Casagrande, Ciampoli, Brugnera, Quagliozzi, Bellini, Piras, Marchetti, Selvaggi
#17
Siamo stati per anni abituati a segare allenatori al primo starnuto. Bene o male, non lo so. Talvolta male (vedi Giampaolo) di solito bene o molto bene (vedi quando arrivò ballardini la prima volta). 
Giulini è uno che prova a programmare, quindi io sul non esonerare l'allenatore al primo starnuto, sono d'accordo. Lo abbiamo visto con Rastelli, proverà a fare la stessa cosa con Maran. Quello che io non capisco è l'involuzione, perchè maran non era un fenomeno prima e non è diventato un brocco ora. Tra le varie ipotesi che ho letto qua e la: 
  • Tenuta atletica scarsa --> ci può stare, alcuni ruoli chiave non hanno ricambi all'altezza (JP, Simeone, Radja)
  • Fragilità psicologica --> lo avrei capito in una squadra giovane, ma qui c'è gente che ha giocato Champions e coppa libertadores, non gl iultimi arrivati
  • Incomprensioni spogliatoio --> non so. Di certo tante primedonne a centrocampo son difficili da gestire. c'è posto per 3 e avevamo 6 potenziali titolari (Ionita, Rog,Nandez,Radja, Castro, Cigarini) poi castro è andato via e al suo posto è stato messo Birsa. 
  • Assenze importanti --> abbiamo perso per settimane Ceppitelli, capitano e unico difensore centrale decente che abbiamo. Abbiamo dovuto investire subito su Cragno al suo rientro, rompendo quell'equilibrio che si era creato con Olsen (che continuo a preferire a Cragno). Non parliamo di Pavoletti
  • Difesa --> per me la chiave del problema sta qui. rispetto al girone d'andata, ci siamo trovati in grande crisi sulla fascia destra, perchè non abbiamo un terzino destro: cacciatore, faragò, pisacane stesso, tutti esperimenti. L'unico che mi pare possa fare il terzino destro come serve a noi (e cioè che corra e faccia sovrapposizioni continue con la mezzala destra (Nandez o Rog) è finora Matiello, che ha giocato 3 partite in tutto.
Detto questo, a Verona per me (sgrat sgrat) si capirà come andrà il resto di questa stagione. se guardo classifica ultime 10 gg, ci aspetta una sconfitta netta. La stessa sconfitta che ci aspettava a Parma nel girone d'andata, dove abbiamo poi vinto con la doppietta di Ceppitelli.
#18
(18-02-2020, 13:05)Tuco Ha scritto: Diciamo che Giulini non è "one man one band" alla Cellino... fose ci capirà ancora poco del calcio italiano, supremo covo di intrallazzoni e banditi di varia risma; lui prova ad avere dei collaboratori, più o meno competenti, Carli penso che lo sia, che infine pretenda l'ultima parola, ci sta, non posso biasimarlo,  i soldi sono i suoi o sbaglio ?
Tuco, detta da te questa cosa mi sorprende parecchio. Il Cagliari è anche dei suoi tifosi. Se i soldi li spendi male, gente allo stadio non ne vede, abbonamenti Sky non se ne fanno e la gente protesta fuori dallo stadio. 
I soldi non sono i suoi, sono del Cagliari. Lui deve semplicemente amministrarli al meglio. Vent'anni di Cellino ci hanno fatto dimenticare questo fondamentale. In ogni caso qui non si sta dicendo che non dovrebbe avallare in ultima analisi la scelta dell'allenatore, quanto che non dovrebbe scegliere lui un allenatore, quando il DS ci ha messo la faccia pubblicamente per prendere un altro profilo. Io non mi sono dimenticato della figura di merda di Carli, due anni fa.

(18-02-2020, 13:56)poetto Ha scritto: ma infatti con questa sciagurata testardaggine a non vedere la crisi di soldi ne perde tanti... quindi penso che ci siano ragioni profonde che noi non conosciamo sul perchè di questa strategia folle di mantenere a tutti costi Maran
Ma non può semplicemente essere che esonerare Maran sarebbe come smentire pubblicamente le scelte degli ultimi due anni? Giulini su Maran ha investito tutto. Magari non è (ancora) in grado di ammettere con se stesso, prima di tutto, di aver sbagliato di brutto.
#19
Esonerare Maran ora non ci porterebbe da nessuna parte. Speriamo nel rientro di Ceppe e Rog, ci servono come il pane. 
Non tutto è perduto. A Verona per il riscatto.
Hasta_siempre___Zio_Zack  
#20
Dai che domenica schieriamo Oliva, Cigarini, Ionita e Nainggolan contro Amrabat, Ciccì e Cocò e vinciamo facile.
  


[-]
Tags
attesa l il casteddu e match verona




Utenti che stanno guardando questa discussione:
1 Ospite(i)

VERONA CASTEDDU L ATTESA E IL MATCH00