Questo Forum fa uso di cookie
Questo forum fa uso di cookie per memorizzare le informazioni di accesso se siete registrati, e la vostra ultima visita se non lo siete. I cookie sono piccoli documenti di testo memorizzati sul vostro computer; i cookie impostati da questo forum possono essere utilizzati solo su questo sito web e non costituiscono un rischio per la sicurezza. I cookie su questo forum tracciano anche gli argomenti specifici che hai letto e quando li hai letti per l'ultima volta. Si prega di confermare se si accettano o rifiutano le impostazioni di questi cookie.

Un cookie verrà memorizzato nel vostro browser indipendentemente dalla scelta per evitare che vi venga posta di nuovo questa domanda. Potrai modificare le impostazioni dei cookie in qualsiasi momento utilizzando il link a piè di pagina.

Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
In Bocca al lupo, Daniele : Arrivederci!!!
#1
Già nel abbiamo parlato, ma mi sembrava doveroso mandare un saluto a Daniele in un post a parte

Dispiace il modo in cui se ne è andato, in punta di piedi, così come è arrivato e come è sempre stato. E' stato il capitano in momenti difficili, prendendo il posto di un certo Conti (il nostro vero ultimo capitano, finora) non è stato certamente aiutato dalla sorte con quel brutto infortunio, dal quale obiettivamente non si è più ripreso. Umanamente dispiace un sacco. Ma se ancora può giocare titolare in B e magari dare una mano al "Cagliari Lombardo" (come qualcuno lo chiama) per salire, hai fatto una buona scelta. Non c'è ancora niente di ufficiale, ma nei social lo stesso Presidente lo saluta, quindi direi che ci siamo.

https://www.centotrentuno.com/news/calci...i-brescia/

Personalmente, per quanto bistrattato in questi ultimi anni, non posso che avere comunque un bellissimo ricordo di te!!!

Tanto sono convinto che a breve ritornerai a Cagliari in altri ruoli: quindi un grande "In bocca al lupo" per ora, e... Arrivederci!!! 

51
Forza Cagliari Sempre e Comunque - Si Riparte con CRB!!!  www.giginieddu.it - www.mystescrew.it
#2
ovviamente buona fortuna a lui,ha sudato per la maglia per tanto e come talemerita rispetto, anche se oramai in A non poteva più dare.

dispiace,ma il calcio è così.
#3
Un grosso abbraccio a Dessena anche se credo sarà un arrivederci perché tornerà per un altro ruolo 51
FORZA CAGLIARI
Cellino “If I was running a Fiat 500 in Italy, now I have the chance to run a Ferrari."
#4
Ufficiale !!!

Dessena al Brescia
https://www.cagliaricalcio.com/news/ulti...al-brescia

Il Cagliari Calcio comunica la cessione del calciatore Daniele Dessena al Brescia a titolo definitivo.

Anima e cuore, passione e determinazione, una dedizione totale alla causa: Dessena chiude una fantastica avventura con il Cagliari che lo ha visto protagonista per ben 9 stagioni. Da quella 2009-2010 e dal gennaio 2012 a oggi: 206 partite giocate e 12 gol.

Nato a Parma, ma di origini sarde, Dessena ha stretto subito un rapporto forte con il Cagliari e la Sardegna, legame che lo ha portato nel 2015 a ereditare la fascia di Capitano da Daniele Conti, onorata sia in campo che fuori. In questi anni ha saputo trovare le parole giuste per introdurre i nuovi compagni di squadra in rossoblù, mostrando con l’esempio il valore di indossare la maglia del Cagliari. Sul terreno di gioco è stato trascinatore e guerriero: impossibile dimenticare i due gol segnati al Palermo sotto la Nord in un match cruciale per la salvezza, alla sua prima da titolare dopo un lungo infortunio che lo aveva fermato nella trionfale stagione della promozione.

Per Daniele inizia ora un nuovo capitolo: il Cagliari lo ringrazia di cuore per quanto fatto in tutti questi anni in rossoblù, augurandogli il meglio per il continuo della sua carriera.

In bocca al lupo, Capitano.
Forza Cagliari Sempre e Comunque - Si Riparte con CRB!!!  www.giginieddu.it - www.mystescrew.it
#5
Onestamente mi dispiace, avrebbe meritato un addio diverso. Certo, forse la serie A gli sta larga ora, ma penso che gli abbia stroncato la carriera quel fallo assassino tre anni fa, proprio a Brescia.
Mi sento di ringraziarlo per l'attaccamento alla maglia di tutti questi anni. In bocca al lupo, Daniele.

(10-01-2019, 13:28)michele1960 Ha scritto: Un grosso abbraccio a Dessena anche se credo sarà un arrivederci perché tornerà per un altro ruolo 51

Beh  sempre che con Giulini si siano lasciati in buoni rapporti...
#6
(10-01-2019, 15:22)amman Ha scritto: Onestamente mi dispiace, avrebbe meritato un addio diverso. Certo, forse la serie A gli sta larga ora, ma penso che gli abbia stroncato la carriera quel fallo assassino tre anni fa, proprio a Brescia.
Mi sento di ringraziarlo per l'attaccamento alla maglia di tutti questi anni. In bocca al lupo, Daniele.

(10-01-2019, 13:28)michele1960 Ha scritto: Un grosso abbraccio a Dessena anche se credo sarà un arrivederci perché tornerà per un altro ruolo 51

Beh  sempre che con Giulini si siano lasciati in buoni rapporti...
Credo di sì visto che lo ha omaggiato con un "ti voglio bene capitano" e con una foto dove si abbracciavano.
#7
Dessena ci saluta

https://www.cagliaricalcio.com/news/ulti...uto-tifosi

Grazie Daniele e arrivederci a presto!
#8
1 gen 2019
Lettera di Daniele Dessena
Cari amici,

Società, dirigenti, compagni di squadra, tifosi e tutti voi che sentite il rossoblù come lo sento io. Scrivo queste righe per salutarvi, per dirvi cosa sia il Cagliari per me e cosa ho provato nell’indossare questa maglia così unica e prestigiosa. La premessa è che non sarà affatto facile, l’emozione è tanta. Comunque io ci proverò… partendo dall’inizio, dal mio arrivo in Sardegna, in quel lontano 2009.

Tutto nasce da lì, da quella squadra, con i vari Lopez, Conti, Agostini, Cossu e Pisano. Che poi definirla squadra è davvero riduttivo… In realtà venni accolto in una famiglia: la coesione si percepiva a pelle, al primo impatto. Tutti uniti, legati da un amore unico verso i colori rossoblù. Con l’obiettivo di difendere Cagliari, cercare di vincere ogni singola partita per portare più in alto il club. Poi non sempre ci si riusciva, ma cuore ed impegno non mancavano mai. Al nostro fianco i nostri tifosi. Sentirli cantare, spingerci ad attaccare per sbloccare o recuperare una partita, soffrire insieme a noi nei momenti di difficoltà, roba che mi faceva venire la pelle d’oca. Ecco, posso dire che a Cagliari ho realmente capito il vero significato del termine “insieme”.

Ci sono stati anche dei momenti difficili e dolorosi. Non potrò mai scordare l’anno della retrocessione, una pugnalata al cuore. Lo ammetto, al pensiero ancora non ci dormo la notte. Quell’anno ho visto le lacrime del mio capitano, il capitano di tutti noi. È stato Daniele, insieme agli altri ragazzi, a tracciare la strada che poi ho cercato di seguire. Sono stati per me un esempio da imitare. A loro devo dire grazie: grazie ragazzi perché con voi sono cresciuto, sono diventato uomo.

Si può cadere, ma l’importante è rialzarsi subito. Ed è quello che fece il Cagliari: l’anno della B ci rimboccammo le maniche pronti a ripartire. Vecchi e nuovi compagni, avevamo una missione. Avevo ereditato da Daniele il ruolo di capitano: la fascia era pesante, mi dava una responsabilità maggiore ma allo stesso tempo mi spingeva a dare ancora qualcosa in più. Una sensazione che non si può spiegare a parole. Bisogna provarla per capire. Essere Capitano del Cagliari voleva dire provare la magia.

Vincevamo ogni partita e mettevamo su un mattoncino dopo l’altro sulla strada del ritorno in A. Poi il mio infortunio… Sapete che vi dico? Nonostante quello che mi era successo, la mia preoccupazione più grande era rivedere il Cagliari in Serie A, il posto dove questa squadra e questa società dovevano stare. Sarò sempre in debito con tutti: compagni, tifosi, società, staff medico. Non potevo giocare, ma mi consideravano importante lo stesso. E così anche grazie a questo sostegno, ho lavorato ogni giorno per poter festeggiare in campo la promozione.

Cagliari-Palermo, che emozione quella sera. Non uno, ma ben due gol! Quella corsa, l’abbraccio della Nord: ero come posseduto, mi sentivo dentro tutta la rabbia e la forza dei tifosi, dei compagni, della mia famiglia e soprattutto di mio figlio che da tempo non mi vedeva in campo. Sì, ero tornato, finalmente.

Da lì altre battaglie, altre corse, tante gioie. E anche sofferenze che abbiamo affrontato nel solito modo: tutti insieme. Come dimenticare quel muro rossoblù al “Franchi”, nella partita di Firenze dove ci giocavamo la salvezza. Era l’ultima chiamata, abbiamo preso il treno in corsa. Tutti insieme. E sette giorni dopo abbiamo festeggiato. Come un blocco unico, una cosa sola.

Penso di poter fare ancora qualcosa di importante, lo farò con entusiasmo e rispetto, dando sempre il massimo come mi avete insegnato voi.

Ora è arrivato il momento di salutarci. Vi abbraccio forte. Il tempo è passato, volato via in un attimo. Non me ne sono quasi accorto. In tutti questi anni sono rimasto sempre lo stesso, un ragazzo diventato uomo, col mio orgoglio, le mie paure, le mie forze.

Un grazie speciale a tutti i compagni di squadra che mi hanno accompagnato in questo percorso. E ancora una volta grazie a tutto il popolo rossoblù: a chi mi ha sostenuto, a chi mi è stato vicino, anche a chi a volte mi ha criticato. Vi porterò tutti con me, nel mio cuore.

Grazie Cagliari. Grazie Sardegna, sei una terra fantastica.

Daniele

Grazie anche a te di tutto e Forza Cagliari sempre
FORZA CAGLIARI
Cellino “If I was running a Fiat 500 in Italy, now I have the chance to run a Ferrari."
#9
Bellissima lettera... davvero toccante... Arrivederci, Daniele!!!
Forza Cagliari Sempre e Comunque - Si Riparte con CRB!!!  www.giginieddu.it - www.mystescrew.it
#10
Niente da dire, se non grazie ad un  giocatore che  ogni qualvolta è entrato in campo ha dato tutto quello che aveva , ti auguro un bocca al lupo  nella tua nuova squadra . Bandiera Cagliari
#11
Ha dato tutto quello che aveva ma madre natura non è stata particolarmente generosa con lui.

I ricordi più frequenti sono ciabattate, appoggi sballati, cartellini rossi evitabili. Ma anche qualche partita da urlo, tipo una doppietta contro il Palermo se ricordo bene. E soprattutto l'infortunio orrendo a Brescia.

Grazie comunque, come a tutti quelli che hanno indossato la maglia rossoblu.
#12
Di Dessena vorrei ricordare che fu tra i pochi coraggiosi calciatori a partecipare alla campagna contro l'omo - transfobia nello sport. Ed a beccarsi anche tanti insulti per questo suo atto pubblico. Bravo Daniele.
#13
Mi piace ricordarlo così Big Grin
Fifteen men on the Dead Man's Chest Yo-ho-ho, and a bottle of rum! Drink and the devil had done for the rest Yo-ho-ho, and a bottle of rum!
#14
(12-01-2019, 00:08)amman Ha scritto: Di Dessena vorrei ricordare che fu tra i pochi coraggiosi calciatori a partecipare alla campagna contro l'omo - transfobia nello sport. Ed a beccarsi anche tanti insulti per questo suo atto pubblico. Bravo Daniele.

Giusto, avevo dimenticato questo bel gesto
#15
(12-01-2019, 01:47)Babeido Ha scritto: Mi piace ricordarlo così Big Grin

Incredibile  : della serie la palla è sempre rotonda  Big Grin
#16
Un operaio specializzato. ... non è che Gattuso avesse molta più tecnica di lui, per citarne uno.... però ha dato il massimo, ne ha date e ne ha prese, ha sudato la maglia ogni volta, un sentito grazie lo merita certamente.
  


[-]
Tags
in lupo arrivederci dessena al bocca




Utenti che stanno guardando questa discussione:
1 Ospite(i)

In Bocca al lupo, Daniele : Arrivederci!!!00