Questo Forum fa uso di cookie
Questo forum fa uso di cookie per memorizzare le informazioni di accesso se siete registrati, e la vostra ultima visita se non lo siete. I cookie sono piccoli documenti di testo memorizzati sul vostro computer; i cookie impostati da questo forum possono essere utilizzati solo su questo sito web e non costituiscono un rischio per la sicurezza. I cookie su questo forum tracciano anche gli argomenti specifici che hai letto e quando li hai letti per l'ultima volta. Si prega di confermare se si accettano o rifiutano le impostazioni di questi cookie.

Un cookie verrà memorizzato nel vostro browser indipendentemente dalla scelta per evitare che vi venga posta di nuovo questa domanda. Potrai modificare le impostazioni dei cookie in qualsiasi momento utilizzando il link a piè di pagina.

Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Ciclismo 2020
#21
Ieri tutto ho capito tranne Pogacar. Prima recupera in maniera sontuosa e poi però gli è salito tipo un senso di onnipotenza e si è fottuto con le sue gambe. Se stava tranquo e s'accodava al gruppo di testa poteva giocarsela tranquillamente con il francese.
#22
No, non poteva giocarsela. Alaphilippe è un finisseur molto resistente che al Tour si era riposato al contrario di Pogacar. Abbiamo visto anche Nibali nell'ultima salita come si sia piantato, non era proprio il circuito per uno che normalmente prepara le corse a tappe. Io invece non ho capito Van Aert. Quando Alaphilippe è scattato doveva convincere gli altri colleghi che erano con lui a collaborare, naturalmente facendosi carico della maggior parte dell'inseguimento considerato che in volata li avrebbe battuti. Invece sperava che gli altri lavorassero per lui....
#23
Vero anche questo. Van Aert, i belgi, di fatto hanno blindato la fuga di Alaphilippe.
#24
E' partito il Giro, ma ieri c'è stata anche la Liegi Bastogne Liegi, recuperata da aprile. Ha vinto il campione del mondo Alaphilippe. Però siccome ha alzato le braccia troppo presto, per una volata senza storia, Roglic lo ha recuperato e superato proprio sulla linea d'arrivo. Per me rimane vincitore il francese, dell'albo d'oro non me ne importa nulla.
#25
L'ha combinata grossa.....non ci dormira' la notte per mesi.
#26
Giro nel cuore della corsa. Oggi arrivo a Piancavallo con la crisi di Nibali, già in ritardo ieri nella cronometro. Almeida tiene la maglia ma la sua sorte sembra segnata.
Intanto al Fiandre bellissima vittoria di Van Der Poel che ha battuto al photofinish Van Aert. I due sono una vita che si dividono le vittorie sin dalle giovanili e nel ciclocross.1[Immagine: 140]João Almeida
Deceuninck - Quick-Step59h27'38''2[Immagine: 140]Wilco Kelderman
Team Sunwebà 00'15''3[Immagine: 140]Jai Hindley
Team Sunwebà 02'56''4[Immagine: 140]Tao Geoghegan Hart
Ineos Grenadiersà 02'57''5[Immagine: 140]Pello Bilbao
Bahrain McLarenà 03'10''6[Immagine: 140]Rafal Majka
Bora-Hansgroheà 03'18''7[Immagine: 140]Vincenzo Nibali
Trek-Segafredoà 03'29''8[Immagine: 140]Domenico Pozzovivo
NTT Pro Cyclingà 03'50''9[Immagine: 140]Patrick Konrad
Bora-Hansgroheà 04'09''10[Immagine: 140]Fausto Masnada
Deceuninck - Quick-Stepà 04'12''
#27
Caro Panenka....ma sto Ganna così forte a cronometro, non potrebbe studiare da Indurain da grande ? In salita e' proprio scarso ? Certo e' piu' alto e pesa 7 kg piu' di Miguelon ai bei di', che in salita pensava a difendersi bene e basta; il rischio e' che se perde peso per migliorare in salita, fatalmente perderebbe potenza a cronometro....
#28
Oggi lo Stelvio ha fatto sconquassi. Sunweb porta due suoi uomini in vetta, ma adesso devono decidere che fare al Sestriere (Isoard e Colle dell'Agnello cancellati per Covid francese), poi ci sarà la cronometro per il verdetto definitivo, con Geoghegan Hart a fare da terzo incomodo e tutti e tre all'interno di 15 secondi. Bel Giro, ma paiono dei comprimari. Se Nibali fosse stato quello dei tempi d'oro (ma con una squadra diversa) oggi sarebbe lui in rosa.
 1[Immagine: 140]Wilco Kelderman
Team Sunweb77h46'56''2[Immagine: 140]Jai Hindley
Team Sunwebà 00'12''3[Immagine: 140]Tao Geoghegan Hart
Ineos Grenadiersà 00'15''4[Immagine: 140]Pello Bilbao
Bahrain McLarenà 01'19''5[Immagine: 140]João Almeida
Deceuninck - Quick-Stepà 02'16''6[Immagine: 140]Jakob Fuglsang
Astana Pro Teamà 03'59''7[Immagine: 140]Patrick Konrad
Bora-Hansgroheà 05'40''8[Immagine: 140]Vincenzo Nibali
Trek-Segafredoà 05'47''9[Immagine: 140]Fausto Masnada
Deceuninck - Quick-Stepà 06'46''10[Immagine: 140]Rafal Majka
Bora-Hansgroheà 07'28''
#29
Ho visto bene con quanta velocita' vadano su....pazzesca, ma non e' che siano piu' forti di Pantani, Indurain, Argentin e Simoni che correvano negli anni 90'.... Sono le biciclette... A meta' anni 80' fregavo la bici da corsa di mio zio, una Bianchi cambio campagnolo , due corone centrali, una 50 ed una 34 se non ricordo male....adesso uso la mia , una Gravel monocorona 42....la Gravel che e' una pseudo bici da corsa... ma po' esse che a 55 anni corro piu' di allora ? Stessa storia che le racchette ....fa gioca' sti fenomeni di adesso con la Dunlop maxply di legno....se ne famo de risate.
#30
Domani ultima tappa, cronometro di 15 km che deciderà la vittoria con i due gregari l'australiano Hindley (di Kelderman ex maglia rosa, uscito con le ossa rotta dal Sestriere) e l'inglese Goeghan Hart (di Thomas, ritiratosi per una caduta) incredibilmente appaiati con lo stesso tempo.  
 1[Immagine: 140]Jai Hindley
Team Sunweb85h22'07''2[Immagine: 140]Tao Geoghegan Hart
Ineos Grenadiersà 00'00''3[Immagine: 140]Wilco Kelderman
Team Sunwebà 01'32''4[Immagine: 140]Pello Bilbao
Bahrain McLarenà 02'51''5[Immagine: 140]João Almeida
Deceuninck - Quick-Stepà 03'14''6[Immagine: 140]Jakob Fuglsang
Astana Pro Teamà 06'32''7[Immagine: 140]Vincenzo Nibali
Trek-Segafredoà 07'46''8[Immagine: 140]Patrick Konrad
Bora-Hansgroheà 08'05''9[Immagine: 140]Fausto Masnada
Deceuninck - Quick-Stepà 09'24''10[Immagine: 140]Hermann Pernsteiner
Bahrain McLarenà 10'08''
#31
Una cronometro di 15 km generera' un distacco finale risibile...probabilmente sara' il giro con meno distacco tra primo e secondo.
Detto fra di noi, visto che i piu' forti avevano scelto il tour, meritano alla fine un applauso questi giovani che hanno combattuto ovunque con coraggio.
#32
Per la Ineos poteva essere una stagione disastrosa per il lento recupero di Froome a seguito della caduta dell'anno scorso, la crisi di quest'anno da parte di Bernal, il ritiro di Thomas al Giro. Invece hanno vinto la corsa rosa con uno dei tanti giovani in squadra, Theo Geoghegan Hart che ha conquistato la maglia proprio nell'ultima tappa sfilandola all'inglese Hindley che l'aveva vestita appena il giorno prima. La Ineos inoltre ha viinto 7 tappe, quattro con Filippo Ganna.
Il 2020 ricorda molto da vicino il 1991, quando Bugno, Indurain e Chiappucci mandarono a casa Lemond, Fignon e Delgado. Da capire se Thomas e Dumoulin avranno ancora un ruolo da protagonista nei prossimi anni, sicuramente Froome, Nibali e Quintana hanno abdicato definitivamente; come pure è da capire chi tra i nuovi protagonisti lo sarà davvero. Carapaz, Bernal, Roglic, Pogacar e Hart hanno vinto i Giri, i Tour e la Vuelta 2019 degli ultimi anni, in attesa che si concluda la Vuelta 2020. Di questi solo Roglic è stato protagonista in una classica (vittoria al Fiandre), per il resto per ora si tratta di corridori da una corsa all'anno. L'Italia si aggrappa a Ganna per ora grandissimo a cronometro, da valutare il suo spessore nelle classiche mentre la vedo difficile nelle corse a tappe con il suo fisico imponente.

1 GEOGHEGAN HART Tao INEOS Grenadiers 85:40:21
2 HINDLEY Jai Team Sunweb 0:39
3 KELDERMAN Wilco Team Sunweb 1:29
4 ALMEIDA João Deceuninck – Quick Step 2:57
5 BILBAO Pello Bahrain – McLaren 3:09
6 FUGLSANG Jakob Astana Pro Team 7:02
7 NIBALI Vincenzo Trek – Segafredo 8:15
8 KONRAD Patrick BORA – hansgrohe 8:42
9 MASNADA Fausto Deceuninck – Quick Step 9:57
10 PERNSTEINER Hermann Bahrain – McLaren 11:05
#33
La Ineos corre sulla bicicletta piu' bella e performante , secondo me, del mercato: la Pinarello Dogma F12 Grenadiers, un sogno di bicicletta da 12.000 euro ad andare bene.
Parlando di Ganna, secondo te, Fili', ci proveresti a fargli perdere qualche kg per renderlo piu' valido in salita ? L' Indurain del 1991 quando vinse il primo Tour, pesava 4 kg di piu' di quello che vinse l'ultimo nel 1995, infatti negli anni era migliorato in salita e lievemente peggiorato a cronometro.... Fossi un DS..ci penserei, ovviamente deve essere convinto Ganna stesso a fare un tentativo che puo' rompere i suoi equilibri attuali....
Qui sotto il pensiero del Diablo Chiappucci sull'argomento.

https://www.google.com/amp/s/it.blasting...0.amp.html
#34
Indurain era già competitivo in montagna nel 1990 e con il declino di Delgado passò capitano perchè in squadra non c'era granché. Ganna ha tanti compagni forti, più forti di lui in montagna. Dovrebbe cambiare formazione, ma non credo sia adatto per i grandi giri. Vedremo, io comunque punterei alle classiche.
#35
Osservazione giusta, raccolse l'eredita' di Delgado ormai appannato, pero' in montagna, pur buono da subito, e' migliorato ancora nel corso degli anni perdendo qualche kg....Sicuramente la Ineos e' troppo "corazzata" per costruire su Ganna una squadra col compito di farlo migliorare nei grandi giri....  il primo passo e' migliorare nelle classiche, poi ci potrebbero lavorare....Miguelon inizio' a dominare a 27 anni, Ganna ne ha 24... tempo ne ha per provare l'evoluzione.
  


[-]
Tags
ciclismo 2020




Utenti che stanno guardando questa discussione:
1 Ospite(i)

Ciclismo 202000